«Allo spuntare dell’alba partimmo da Colloredo. Il sole indorava come un vecchio amico i merli del castello e l’orologio della torre, e il mare di colline che si stende dinnanzi ad essa sorrideva come un bambino al sorriso del padre»

Ippolito Nievo

È con queste parole che lo scrittore Ippolito Nievo in una lettera descriveva Colloredo di Monte Albano, luogo dove  trascorse la sua infanzia, dove passò lunghi periodi e qui si dedicò attivamente alla produzione letteraria, delineando nella mente quello che fu il suo capolavoro, Le confessioni d'un italiano.

 

Ed è in questo territorio che si possono riscoprire i sapori di una volta, quelli che rischiano di andare perduti. Fra i dolci pendii delle colline moreniche, coccolati dalle leggere brezze che scendono dalle montagne, sono allevati i “Cajs di Coloret”, le Chiocciole di Colloredo, secondo il sistema più naturale possibile che contraddistingue il prodotto a marchio CHIOCCIOLA METODO CHERASCO. Una lunga storia accompagna questo mollusco, consumato già in età preistorica, allevato e cucinato al tempo di Greci e Romani (Apicio nel suo “De Re Conquinaria” descrive quattro ricette con le Cocleas), a momenti disprezzato, a momenti piatto rinomato, attualmente viene considerato un prodotto di nicchia per la nostra regione, che ne ha visto sempre un consumo moderato.

IMG_20210312_103603_2.jpg
vs210104-001.BMP

LA CHIOCCIOLA A 360°

sostenibilità.webp

NEWSLETTER

ISCRIVITI

per restare sempre informato su promozioni, novità ed eventi